1
11 settembre 2001 - 11 settembre 2013: IN QUESTO GIORNO DI MEMORIA E DI DOLORE RICORDA COSA HA RESO GRANDE IL POPOLO AMERICANO 2) The Battle Hymn of the Republic

“The Battle Hymn of the Republic” (l'inno di battaglia della Repubblica) è un inno composto dalla scrittrice americana Julia Ward Howe. La melodia fu scritta nel 1856 circa da William Steffe. Il primo testo noto fu chiamato "Canaan's Happy Shore" o "Brothers, Will You Meet Me?" e la canzone era cantata come uno spiritual da accampamento. La melodia attraversò in fretta gli Stati Uniti, guadagnandosi la reputazione di miglior canzone del suo tempo. Nel 1860 Thomas Bishop compilò su quella melodia un testo sul famoso abolizionista John Brown, intitolato "John Brown's Body", che divenne una delle canzoni di marcia della sua unità, la milizia del Massachusetts. Il battaglione di Bishop fu inviato a Washington, D.C. all’inizio della guerra civile, e Julia Ward Howe ascoltò questa canzone durante una pubblica rassegna delle truppe svoltasi sulla collina di Upton, in Virginia. Julia era moglie di Samuel Gridley Howe, il celebre pioniere nell’educazione dei non vedenti; i due erano inoltre attivi fautori di politiche antischiavistiche e forti sostenitori dell’Unione (Samuel Howe era un membro del Secret Six, il gruppo che finanziò l’impresa di John Brown). L’accompagnatore della Howe alla rassegna, il reverendo James Freeman Clarke, suggerì alla Howe di scrivere parole nuove per la canzone. Mentre soggiornava al Willard Hotel di Washington la notte del 18 novembre 1861, la Howe si svegliò con in mente le parole tanto desiderate, e in un’oscurità quasi totale scrisse i versi dell’"Inno di battaglia della Repubblica". L’Inno fu pubblicato per la prima volta sulla prima pagina della rivista The Atlantic Monthly del febbraio 1862; divenne molto popolare durante la guerra civile, e da allora è divenuto una canzone patriottica americana popolarissima e conosciuta in tutto il mondo.

Mine eyes have seen the glory of the coming of the Lord:

He is trampling out the vintage where the grapes of wrath are stored;

He hath loosed the fateful lightning of His terrible swift sword:

His truth is marching on.

(Chorus)

Glory, glory, hallelujah!

Glory, glory, hallelujah!

Glory, glory, hallelujah!

His truth is marching on.

I miei occhi hanno veduto la gloria della venuta del Signore:

Egli spreme la vendemmia dove sono accumulati i grappoli dell’ira;

Egli ha sciolto il lampo fatale della Sua spada terribile e veloce:

la Sua verità sta marciando.

(Coro)

Gloria, gloria, alleluia!

Gloria, gloria, alleluia!

Gloria, gloria, alleluia!

La Sua verità sta marciando.

I have seen Him in the watch-fires of a hundred circling camps,

They have builded Him an altar in the evening dews and damps;

I can read His righteous sentence by the dim and flaring lamps:

His day is marching on.

(Chorus)

Glory, glory, hallelujah!

Glory, glory, hallelujah!

Glory, glory, hallelujah!

His day is marching on.

L’ho veduto nei fuochi di cento accampamenti circolari,

essi Gli hanno eretto un altare fra le rugiade e l’umidità della sera;

io posso leggere la Sua giusta sentenza sotto le luci fioche e irregolari:

il Suo giorno sta marciando.

(Coro)

Gloria, gloria, alleluia!

Gloria, gloria, alleluia!

Gloria, gloria, alleluia!

Il Suo giorno sta marciando.

I have read a fiery gospel writ in burnished rows of steel:

"As ye deal with my contemners, so with you my grace shall deal;

Let the Hero, born of woman, crush the serpent with his heel,

Since God is marching on."

(Chorus)

Glory, glory, hallelujah!

Glory, glory, hallelujah!

Glory, glory, hallelujah!

Since God is marching on.

Ho letto un vangelo ardente scritto su linee d’acciaio brunito:

“Poiché combattete contro coloro che mi disprezzano, così la mia grazia sarà con voi;

che l’Eroe, nato da donna, schiacci il serpente col suo calcagno,

poiché Dio sta marciando".

(Coro)

Gloria, gloria, alleluia!

Gloria, gloria, alleluia!

Gloria, gloria, alleluia!

Poiché Dio sta marciando.

He has sounded forth the trumpet that shall never call retreat;

He is sifting out the hearts of men before His judgment-seat:

Oh, be swift, my soul, to answer Him! be jubilant, my feet!

Our God is marching on.

(Chorus)

Glory, glory, hallelujah!

Glory, glory, hallelujah!

Glory, glory, hallelujah!

Our God is marching on.

Egli ha suonato la tromba che mai chiamerà alla ritirata;

Egli vaglia i cuori degli uomini prima del Suo giudizio:

Oh, sii svelta, anima mia, a risponderGli! Gioite, o miei piedi!

Il nostro Dio sta marciando.

(Coro)

Gloria, gloria, alleluia!

Gloria, gloria, alleluia!

Gloria, gloria, alleluia!

Il nostro Dio sta marciando.

In the beauty of the lilies Christ was born across the sea,

With a glory in His bosom that transfigures you and me:

As He died to make men holy, let us die to make men free,

While God is marching on.

(Chorus)

Glory, glory, hallelujah!

Glory, glory, hallelujah!

Glory, glory, hallelujah!

While God is marching on.

Nella bellezza dei gigli Cristo è nato al di là del mare,

con una gloria nel Suo petto che trasfigura voi e me:

come Egli morì per fare gli uomini santi, noi moriamo per fare gli uomini liberi,

mentre Dio sta marciando.

(Coro)

Gloria, gloria, alleluia!

Gloria, gloria, alleluia!

Gloria, gloria, alleluia!

Mentre Dio sta marciando.

He is coming like the glory of the morning on the wave,

He is Wisdom to the mighty, He is Succour to the brave,

So the world shall be His footstool, and the soul of Time His slave,

Our God is marching on.

(Chorus)

Glory, glory, hallelujah!

Glory, glory, hallelujah!

Glory, glory, hallelujah!

Our God is marching on.

Egli viene come la gloria del mattino sulle onde,

Egli è Consiglio ai forti, è Soccorso agli audaci,

così il mondo sarà il Suo sgabello, e lo spirito del tempo il Suo schiavo,

Il nostro Dio sta marciando.

(Coro)

Gloria, gloria, alleluia!

Gloria, gloria, alleluia!

Gloria, gloria, alleluia!

Il nostro Dio sta marciando.

 

Indietro