1
"Regarding ethics, abortion is a matter of absolute value; issues relating to protection of life can not be put on the same level with other issues"
Obama vs Romney

Sfida Obama-Romney, i cattolici ago della bilancia

Il fattore religioso peserà molto nelle contesa per raggiungere la Casa Bianca

 

Giacomo Galeazzi - Vatican Insider 2/11/2012
Città del Vaticano

Per i padri pellegrini, sbarcati nel Nuovo Mondo in fuga da anglicani e cattolici, è una nemesi arrivata con quattro secoli di ritardo. Nelle presidenziali Usa i cattolici sono l'ago della bilancia tra Obama e Romney.

Merito del massiccio innesto di immigrati ispanici a grande maggioranza cattolici, ma anche di una presenza nella vita pubblica divenuta sempre più incisiva attraverso l'energica presidenza Dolan dell'episcopato statunitense. I seguaci di Roma non erano elettoralmente così influenti neppure quando approdò alla Casa Bianca il cattolico John Fitzgerald Kennedy. Dunque, mai quanto oggi i seguaci della Chiesa di Roma  contano nelle presidenziali e più generalmente nella politica americana. A confermalo a Radio Vaticana è Robert Royal, teologo e politologo cattolico, presidente del “Faith and Reason” Institute di Washington. Negli Stati Uniti, il rush finale dei candidati alla Casa Bianca ha l’impronta dell’elettorato cattolico.

Gli ultimi sondaggi danno in vantaggio il presidente Barack Obama, giudicato positivamente per il suo operato nell’affrontare l’emergenza dell’uragano “Sandy”, il cui bilancio è salito ad almeno 98 vittime accertate. Obama ha incassato anche l’appoggio del sindaco di New York, Michael Bloomberg e gli elogi del governatore del New Jersey, il repubblicano Chris Christie. Stamani, inoltre, sono stati diffusi i dati sull'occupazione nel mese di ottobre: l'economia americana ha creato 171 mila posti di lavoro, nell'ultimo mese, ma il tasso di disoccupazione è salito comunque dal 7,8% al 7,9%. Intanto, sono in molti a chiedersi chi - tra Romney e Obama - otterrà la maggioranza dell’elettorato cattolico. Nelle ultime 10 elezioni presidenziali, solo una volta un candidato è riuscito ad arrivare alla Casa Bianca, senza conquistare la maggioranza del voto cattolico.

“Non è un voto semplice il voto cattolico- spiega Royal-. I cattolici americani sono sempre divisi tra il Partito democratico che, una volta, era il partito degli immigrati e tra i Repubblicani che rappresentano più o meno i valori cattolici nel senso che sono contro l’aborto, contro le unioni gay eccetera... E così, il voto è diviso tra i due partiti. Quando è stato eletto, Obama ha vinto con il 54 per cento dei voti cattolici; adesso il voto cattolico è diviso esattamente al 50 per cento tra Obama e Romney. I cattolici, così si dice qui, in America, sono il "centro del centro" del voto americano”. L’economia è il grande tema di queste elezioni presidenziali. Però, anche alcuni temi cosiddetti morali hanno avuto, hanno un grande ruolo, in particolare l’aborto, la difesa della vita, ma anche la povertà e l’immigrazione. Questi temi conteranno il 6 novembre, conferma all’emittente pontificia presidente dell’istituto “Fede e ragione” di Washington:”Tutti conteranno; ma c’è differenza tra quelli che pendono più verso il Partito democratico e quelli che dicono che i repubblicani rappresentino meglio i valori cattolici”.

C’è un altro fattore, ed è questo: Obama, nell’Obamacare, la riforma sanitaria, “ha approvato una serie di disposizioni secondo cui le istituzioni cattoliche, le università, gli ospedali, le scuole, sono tenuti a pagare - attraverso l’assicurazione sanitaria - la contraccezione, la sterilizzazione e, in certi casi, perfino l’aborto”. Questo ha ingenerato, in America, “una controversia su Obama, perché se lui resterà alla Casa Bianca queste disposizioni entreranno in vigore e le istituzioni cattoliche dovranno affrontare questa sfida ai valori morali”. Quando le disposizioni sono state approvate, il 56 per cento dei cattolici era contrario ad Obama; adesso che le questioni economiche sono diventate ancora più rilevanti, questo problema, questa controversia sull’Obamacare è uscita dall’ambito dell’attenzione dell’opinione pubblica e “non si sa se potrà essere un fattore di rilievo nell’elezione”.

Ci sono sicuramente molti cattolici preoccupati per le posizioni abortiste del Partito democratico; dall’altra parte, ci sono anche molti cattolici preoccupati per le posizioni ritenute poco solidali rispetto ai più deboli e agli immigrati da parte del Partito repubblicano. “Ma per quanto riguarda la solidarietà, se ne può discutere; ci si può appellare a necessità di sicurezza sociale - precisa Royal -.E questa discussione si verifica in ogni Paese. Ma i nostri vescovi hanno detto molto chiaramente che bisogna capire che l’aborto è una questione assoluta per quanto riguarda la morale; le questioni che riguardano la tutela della vita non si possono mettere sullo stesso livello con le altre questioni”.

Indietro

 

Condividi questo articolo
Facebook!
Twitter! Google! Segnala su OK Notizie Digg! Live! Yahoo!