1

Il primo 11 settembre: Vienna, 1683

La sfida dell'Islam all'Occidente e la fine dell'assedio ottomano. La stessa data dell'attacco alle Torri Gemelle in America. Una strana coincidenza

Caduta la capitale austriaca, i turchi avrebbero invaso tutta l'Europa. Quel giorno cambiò la storia

I tradimenti che divisero il campo cristiano, le astuzie di Luigi XIV, la sorpresa del re polacco

Paolo Mieli - Corriere della Sera 6 settembre 2009

Sarà sicuramente una coincidenza (ma per lo studioso cattolico Michael Novak non lo è affatto) che il primo 11 settembre consegnato ai libri di storia - in particolare quello del confronto tra il mondo cristiano e il musulmano - non sia stato quello del 2001 bensì l'11 settembre del 1683, giorno in cui partì la controffensiva con la quale in trentasei ore le truppe dell'imperatore Leopoldo I, con il fondamentale aiuto di quelle del re di Polonia Jan Sobieski, travolsero e misero in fuga le decine di migliaia di turchi che agli ordini del gran visir Kara Mustafa da due mesi cingevano d'assedio la città di Vienna.

Strana coincidenza quella tra quei due 11 settembre. E le analogie non si fermano alla data di fine estate. Già dall'agosto del 1682 il sultano Mehmet IV aveva pianificato la denuncia del trattato di pace ventennale con Leopoldo che sarebbe giunto a scadenza nell'84 e aveva altresì lanciato un' offensiva che dai Balcani avrebbe dovuto passare per l'Ungheria e concludersi con l'occupazione di Vienna, la capitale dell'impero. Concludersi? Nessuno può dire se la conquista di Vienna, di per sé a quell'epoca un evento clamoroso, sarebbe stata l'ultima tappa della penetrazione turca in Europa; anzi appare poco probabile che, occupata la capitale austriaca, l'aggressione non sarebbe stata portata anche nel resto del continente. Le ambizioni del sultano apparivano simili a quelle di un suo predecessore, Solimano, che aveva sferrato prima nel 1529 poi nel 1541 un' incursione in Europa che gli fruttò la conquista di gran parte dell'Ungheria.

Invece l'11 e il 12 settembre del 1683 i turchi furono sbaragliati; dopodiché dovettero far fronte a una controffensiva lunga un quindicennio che per le sue caratteristiche di santa alleanza benedetta dal pontefice fu definita «l'ultima crociata» ; e nel 1699 furono costretti a subire la pace di Karlowitz che, a detta unanime degli storici, segnò l'avvio del lento ma irreversibile tramonto dell'impero ottomano.

Quel giorno dunque cambiò la storia ed è meritorio da parte del Mulino aver tradotto il miglior libro sull'argomento di uno storico inglese, John Stoye, "L'assedio di Vienna" (sarà in libreria a ottobre). Nel lungo e approfondito saggio, Stoye oltre a spiegare come andarono le cose si sofferma sulle contraddizioni nell'Europa cristiana che consentirono ai turchi di osare fino a quel punto.

Fu infatti il re cattolico francese Luigi XIV a incoraggiare con ogni mezzo il sultano spingendolo ad aggredire l'impero austriaco. Il suo ambasciatore a Istanbul Guilleragues si espose fino a mettere in chiaro che anche se il suo re avrebbe mantenuto l'impegno di correre in soccorso ai polacchi ovemai fossero stati aggrediti dai turchi, non era detto che avrebbero fatto lo stesso in sostegno a Leopoldo. Anzi, più passavano le settimane più Guilleragues chiariva che nel caso i turchi avessero attaccato l'Austria, i francesi non avrebbero mosso un dito e forse avrebbero addirittura sferrato un colpo di pugnale alla schiena di Leopoldo: cogliendo così l'occasione per vendicare il 1673 quando l'imperatore si era alleato con gli eretici olandesi per una guerra contro Luigi XIV. Un argomento assai allettante, quello di Guilleragues, dal momento che i turchi ricordavano bene quanto era stata efficace la forza di spedizione inviata dai francesi in soccorso dell'Austria nel 1664, nonché quella inviata a Creta nel 1669. E non avrebbero mai rischiato di dover affrontare una coalizione anche occasionale tra austriaci e francesi.

Ma a Roma qualcuno aveva capito quanto fosse reale la minaccia turca. Nel 1676 era salito al soglio pontificio Innocenzo XI, che dichiarò subito l'ambizione di pacificare l'Occidente per lanciare un attacco al sultano. In un primo periodo, però, papa Innocenzo sostenne le rivendicazioni del re francese ai danni dell'imperatore austriaco che gli appariva titubante a fronte del progetto antiturco.

Il Papa iniziò a cambiare idea in concomitanza con la predicazione di Marco d'Aviano, un frate cappuccino che conobbe grande popolarità tra il 1679 e il 1680 in seguito a un' epidemia di peste bubbonica. Nel corso di questa epidemia gli furono attribuiti, sia nelle corti che tra le genti, episodi miracolosi di guarigione da cui ricavò un' aura di santità: Carlo di Lorena ad esempio ritenne di essere guarito grazie alle sue preghiere e da quel momento fu suo figlio spirituale. Marco d'Aviano chiedeva ai popoli di impegnarsi per una guerra contro i turchi e nel 1681 provò a portare il suo messaggio in Francia ma Luigi XIV lo fece espellere dal Paese con brutalità. Papa Innocenzo disapprovò. E ancor meno piacque al pontefice che, per dare testimonianza di impegno contro i turchi, quello stesso Luigi XIV che segretamente incoraggiava il sultano a muovere contro Vienna, avesse inviato la sua marina agli ordini dell'ammiraglio Du Quesne in una insensata aggressione alla città di Algeri bombardata senza pietà nel 1682 e nel 1683 proprio mentre iniziava l'assedio della capitale austriaca (provocando per ritorsione l'esecuzione del console francese ad Algeri).

Il libro di Stoye descrive alla perfezione il gioco francese, che era quello di approfittare della pressione turca su Vienna per colpire la Spagna al cui soccorso l'Austria non poteva accorrere perché «distratta» dai turchi (e la Spagna chiedeva all'Austria di impegnarsi a difenderla anziché impelagarsi con i musulmani), mentre i principati della Germania settentrionale si sarebbero dovuti occupare della crisi baltica alimentata anch' essa dalla Francia (ciò che li avrebbe indotti a sottostimare la portata delle iniziative del sultano). Stoye ha il grande merito di mettere in luce le responsabilità europee in campo cristiano - causate appunto da divisioni e rivalità - nella quasi capitolazione di Vienna dalla quale Leopoldo si allontanò all'inizio di luglio mentre i primi drappelli turchi si disponevano per l'assedio e la difesa della capitale austriaca nel tempo avrebbe quasi certamente ceduto se non ci fosse stata la «sorpresa Sobieski».

Perché sorpresa? Jan Sobieski - che era nato nel 1624 in un paese vicino a Leopoli ed era stato educato a Parigi come molti rampolli dell'aristocrazia polacca - nel 1674 era stato fatto re di Polonia (prese il nome di Giovanni III) con il fondamentale aiuto proprio di Luigi XIV. Tutto lasciava supporre che nelle giravolte di quegli anni (la cattolica Francia e la cattolica Polonia avevano persino aiutato i protestanti ungheresi contro il cattolico imperatore austriaco) Sobieski sarebbe rimasto fino alla fine alleato del Re Sole. Tanto più che, come detto all'inizio, la Francia - mentre incoraggiava il sultano a muovere contro l'Austria - aveva promesso di intervenire a fianco dei polacchi in caso di aggressione turca al loro Paese.

Invece Giovanni III non solo scese in aiuto di Leopoldo ma addirittura fu il protagonista della battaglia per la liberazione di Vienna dall'assedio, occupò gli accampamenti che erano stati dei turchi fino a poche ore prima ed entrò nella capitale venendo accolto come il liberatore. Ciò che ingelosì Leopoldo al quale non veniva perdonato di essersi per così dire allontanato da Vienna quando i turchi si erano presentati alle porte della città e di averla abbandonata al suo destino in quei due lunghi mesi di fame, epidemie, bombardamenti e incendi. La verità, scrive Stoye, è che quella di Leopoldo era una personalità complessa: l'imperatore arrivava a prendere decisioni «solo con timorosa riluttanza»; i protestanti e gli ambasciatori veneziani a Vienna incolpavano i gesuiti per un' educazione troppo rigida che «ne aveva represso l'energia innata». Leopoldo non era meno cattolico di Sobieski ma aveva una maggiore inclinazione a soppesare i pro e i contro di ogni suo atto, salvo poi provare una forte avversione nei confronti di chi, come Giovanni III, agiva di impulso (ed era anche per questo più amato dalle genti).

Questo gelo caduto nei rapporti tra Leopoldo e Sobieski rese impossibile che i due cogliessero l'attimo e si lanciassero immediatamente all'inseguimento dei turchi con ottime probabilità di sbaragliarli in breve tempo. Cosa che fecero dopo qualche mese su sollecitazione del papa ma a quel punto furono necessari quindici anni prima che la missione venisse compiuta. E il tempo fu così lungo anche perché erano riprese le mene della Francia volte esclusivamente a creare difficoltà all'Austria. Luigi XIV - ha scritto Alberto Leoni nel bel libro La croce e la mezzaluna, una storia delle guerre tra le nazioni cristiane e l'Islam pubblicata dalle edizioni Ares - che continuava a definirsi «Re cristianissimo» dimostrava una mancanza di scrupoli tale da porlo in pessima luce anche presso i suoi contemporanei. Al punto che, in una lettera del 15 settembre 1690 scritta dal conte palatino Filippo Guglielmo a Marco d'Aviano, il Re sole è definito «un turco cristiano peggior del barbaro».

Quanto ai turchi, la loro offensiva, anche psicologica, era assai raffinata. «Accettate l'Islam», scrisse il gran visir Kara Mustafa in un documento che fu presentato agli austriaci ai primi di luglio come offerta di soluzione politica, «e vivrete in pace sotto il sultano. O consegnate la fortezza e vivrete in pace sotto il sultano come cristiani, e chiunque lo voglia potrà partire in pace portando con sé i propri beni! Se invece resistete, morte o spoliazione o schiavitù saranno il destino di voi tutti!». Kara Mustafa era stato molto avversato da vari contendenti nell'impero ottomano ma Mehmet IV lo aveva sempre protetto fino ad affidargli carta bianca e duecentomila uomini per la grande spedizione alla volta di Vienna. Quanto a quel che fece nei due mesi di assedio non gli si può imputare di aver temporeggiato: l'impresa era molto complicata e le fortificazioni della città tenevano.

Dopo la sconfitta riuscì ad evitare che il suo esercito si disarticolasse anche se alle spalle dovette subire defezioni e tradimenti. Tutte cose più che prevedibili. Avrebbe voluto consultarsi con il sultano per decidere sul da farsi nei mesi successivi. Ma questi, anche a causa di alcuni contrattempi, non lo incontrò. Il 19 ottobre le truppe dell'impero attraversarono il Danubio e conquistarono Esztergom: il capitano ottomano si arrese e Kara Mustafa reagì ordinando l'esecuzione degli ufficiali (compresi i giannizzeri) che avevano abbandonato quell'importante piazzaforte, ma quasi tutti si erano già dati alla fuga. Così commentò l'ambasciatore francese da Istanbul: «Ho appena appreso che gli imperiali hanno preso Esztergom e che le diserzioni, il terrore, i disordini e le agitazioni contro il gran visir e il sultano stesso crescono di giorno in giorno».

La voce che i malumori si indirizzavano anche «contro il sultano» dovette giungere alle orecchie di Mehmet IV. Il quale chiese immediatamente la testa di Kara Mustafa. La notizia raggiunse il gran visir che si trovava a Belgrado il 25 dicembre di quello stesso anno. La sua risposta fu: «Come piace a Dio». Restituì i simboli della sua alta autorità, il sigillo, il sacro vessillo del Profeta e la chiave della Kaaba alla Mecca. Fu strangolato da un emissario di Mehmet quello stesso giorno. Per il mondo cristiano era il Natale del 1683.

paolo.mieli@rcs.it

 

Indietro