1

Tony Blair convertito sulla via di Medjugorje

Ex premier inglese folgorato dal culto della Madonna della città bosniaca. Come lui Gorbaciov, Reagan e Kennedy

Antonio Socci - Libero 12/04/2008

Vi parrà bizzarro, ma l'evento più interessante di questa campagna elettorale, per me, è accaduto domenica scorsa a Milano al Palasharp. Sebbene fossero presenti 25 mila persone nessuno ne ha dato notizia. In apparenza non c'entra con le elezioni, ma, come vedremo, non è così. Quell'immensa folla è arrivata lì senza alcuna campagna pubblicitaria. Dalle 8.30 del mattino fino alle ore 21 hanno pregato, meditato, adorato, ascoltato testimonianze con il carismatico padre Jozo Zovko, che era parroco di Medjugorje all'inizio delle apparizioni della Madonna in quell'ormai celebre villaggio, nel giugno 1981 (il francescano fu poi arrestato dalla polizia comunista, torturato e detenuto per quasi due anni).

L'incontro al Palasharp
All'incontro - organizzato da "Mir I Dobro", l'associazione di volontariato (nata a Varese) - erano presenti anche due dei sei veggenti: Ivan Dragicevic e Jakov Colo. Il primo ha ancora oggi le apparizioni quotidiane e puntualmente alle ore 18 la Madonna è arrivata, in un silenzio impressionante, nell'emozione generale. È rimasta circa 10 minuti a pregare con i presenti, specialmente sugli ammalati e sui sacerdoti. Poi, tramite Ivan, ha lasciato a tutti un messaggio: «Una madre prega per i suoi figli e io ho pregato mio Figlio per voi».

Particolarmente toccante è stata la testimonianza di Silvia, una ragazza di 19 anni, che era gravemente malata (una paraplegia alle gambe). Andando in pellegrinaggio a Medjugorje a un certo punto, sulla collina delle apparizioni, è svenuta e si è poi risvegliata con un forte pianto e con tremore, scoprendosi guarita: «Sono guarita! Cammino!».

Sono fatti eccezionali, ma nient'affatto isolati. Padre Jozo nella sua meditazione ha invitato a seguire gli insegnamenti del Santo Padre anche per quando riguarda la tutela della famiglia (in vista delle prossime elezioni ha fatto una speciale "preghiera per l'Italia"). E ha citato Tony Blair, l'ex premier britannico, recentemente convertitosi al cattolicesimo. Si dà il caso infatti che Medjugorje c'entri (anche) con questa conversione. Non solo perché la moglie, cattolica da sempre, segue le apparizioni da tempo. Padre Jozo lo ha incontrato qualche anno fa.

In Inghilterra c'è un vero sommovimento medjugorjano che ha al centro un personaggio molto influente, Robert Hutley, convertitosi a Medjugorje con la moglie. Questo è il terreno su cui è fiorita la conversione di Blair. Proprio il 4 aprile scorso la "Repubblica" ha lanciato in prima pagina una conferenza dell'ex premier su "Fede e globalizzazione" tenuta il 3 aprile nella cattedrale di Westminster davanti a circa 1.600 persone. Blair ha sottolineato l'importanza della religione per il destino dell'umanità. E ha messo in guardia dal laicismo. Infine ha riferito di aver dato vita alla "Fondazione Tony Blair per la Fede" (Tony Blair Faith Foundation). È immaginabile una cosa del genere per i leader politici italiani? Peraltro Blair - come ha rivelato "The Guardian" - è in corsa per diventare il Presidente dell'Unione europea (carica istituita l'anno scorso a Lisbona).

Anche di un'altra (controversa) conversione hanno recentemente parlato i giornali, quella dell'ultimo leader dell'Urss Mikhail Gorbaciov sorpreso in preghiera nella basilica di Assisi. Pure lui ha avuto a che fare con Medjugorje. Ho già raccontato su queste colonne come è accaduto che, nell'ottobre 1987, il presidente Reagan si sia messo in contatto con la veggente Marija Pavlovic, due mesi prima della firma del Trattato di Washington con l'Urss, il primo per l'eliminazione delle armi nucleari che mise fine allo scontro sugli euromissili e fu preludio al crollo incruento dell'Urss.

Ho riferito l'entusiasmo e la commozione di Reagan che si sentì spronato a proseguire sulla via del disarmo. Addirittura, con la moglie Nancy, decise di fare le preghiere e il digiuno chiesti dalla Madonna. «Reagan volle che, fra i documenti da portare con sé ai colloqui con Gorbaciov, ci fosse pure la mia lettera» racconta Marija. «So che lui ne parlò a Gorbaciov e poi hanno firmato tutto. In seguito mi è arrivata una busta con la foto del presidente e il suo ringraziamento, scritto di suo pugno. E anche Gorbaciov ha voluto quella mia lettera».

La Madonna di Medjugorje deve averlo illuminato, se lo stesso Gorbaciov nella storica visita in Vaticano del 1° dicembre 1989, nello studio privato di Giovanni Paolo II, si inginocchiò davanti a lui chiedendo perdono per i crimini del comunismo (il Papa lo abbracciò). La clamorosa notizia fu rivelata la prima volta da suor Lucia, la veggente di Fatima e confermata da lei anche dopo la smentita dalla Sala stampa vaticana, il 2 marzo 1998. Pochi mesi fa ha confermato la notizia addirittura il Segretario di Stato vaticano, cardinal Bertone, in un suo libro.

Nel mondo cattolico si diffonde la sensazione - esplicitata quattro mesi fa a Lourdes dal cardinale Ivan Dias - che in questa generazione la Madonna protegga in modo speciale la Chiesa e il mondo. È evidente proprio dalle sue apparizioni e dal grande pontificato mariano di Giovanni Paolo II.

Nei prossimi giorni Benedetto XVI andrà negli Stati Uniti. Parlare al popolo americano è un evento storico, come quando san Pietro venne a Roma, la capitale dell'Impero. Ma anche qui la strada di papa Ratzinger è stata preparata. Non solo dal predecessore. La presenza silenziosa e misteriosa di Maria lo ha preceduto già dentro la Casa Bianca dove il Papa incontrerà il presidente Bush. Infatti, racconta Marija Pavlovic, a margine della vicenda del 1987, «seppi che il Presidente Reagan aveva personalmente fatto comprare una statuina della Madonna, facendola portare alla Casa Bianca». Era l'immagine della Madonna di Fatima.

E di nuovo nulla appare casuale. Non solo per il legame fra Medjugorje e Fatima, ma anche per una notizia che è venuta alla luce solo di recente. E che riguarda proprio la Casa Bianca e Fatima.

Il terzo segreto di Fatima
Siamo nel 1959. Papa Giovanni XXIII legge il testo del "terzo segreto di Fatima" che per volere della Madonna doveva essere reso pubblico nel 1960. Contiene, come scopriremo nel 2000, il preannuncio di una immane catastrofe planetaria e di una grande prova per la Chiesa. Papa Roncalli decide di segretarlo. L'11 ottobre 1962 apre il Concilio Vaticano II irridendo i "profeti di sventura" e affermando: «Non siamo alla fine del mondo». Anzi esaltò il «nuovo ordine di rapporti» mondiali che «volgono inaspettatamente» al meglio.

Esattamente quattro giorni dopo il mondo precipita sull'orlo di una guerra nucleare mai vista. Il 14 ottobre infatti un aereo americano fotografa 162 testate nucleari sovietiche nell'isola di Cuba puntate sugli Stati Uniti. Il 15 le foto sono sul tavolo del presidente Kennedy che deve decidere cosa fare. Decise - anche su accorato invito del Papa - di non invadere e alla fine di trattare.

Qualcuno dal Vaticano aveva fatto pervenire alla Casa Bianca una descrizione dello scenario apocalittico tracciato dalla Madonna a Fatima (ora si capisce perché doveva essere svelato nel 1960). In una recentissima intervista Robert McNamara, segretario alla Difesa di Kennedy, ha riferito, con un moto di orrore, che nel 1992 «noi venimmo a sapere per la prima volta da ex ufficiali sovietici che loro erano pronti alla guerra nucleare nel caso di un'invasione americana di Cuba».

Il mondo dunque fu salvato dalla decisione di Kennedy di non invadere. Sarà un caso, ma Kennedy fu il primo (e unico) presidente americano di fede cattolica. Quindi più di chiunque altro era sensibile a un messaggio che arrivava dalla Santa Sede e dalla Madonna di Fatima. Fu provvidenziale che proprio in quel momento gli Stati Uniti avessero un presidente cattolico.

Kennedy era nato nel maggio 1917 (quando iniziarono le apparizioni di Fatima) ed ebbe la nomination per la Casa Bianca nel 1960: il 13 luglio. Lo stesso giorno in cui - anni prima - la Madonna consegnò ai tre pastorelli il Segreto. L'ennesimo caso?