1

Appello "Io sto con il Papa" (per aderire invia una mail a iostoconilpapa@magdiallam.it)

Cari amici,

L'inaudita e sofferta decisione del Santo Padre di annullare la sua visita all'Università La Sapienza di Roma, programmata per giovedì 17 gennaio, a causa della predicazione d'intolleranza laicista da parte di un manipolo di docenti e dell'intimidazione violenta da parte di una banda di studenti, impone a tutti noi l'assunzione della consapevolezza della gravità di un atto che va ben oltre all'evidente marciume ideologico diffuso nel mondo accademico e culturale italiano e al manifesto arbitrio comportamentale di squadracce comuniste e radicali che si sono annidate in seno alla nostra società. Il gesto, comprensibile e saggio del Papa, attesta di fatto la sconfitta dello Stato di diritto che non è più in grado di salvaguardare la propria sovranità e il rispetto dell'esercizio dei diritti costituzionali all'interno del proprio territorio nazionale, nonché la deriva dell'insieme della classe politica che ha profanato e trasformato lo Stato e le sue istituzioni in un bordello dove si svendono i valori e si calpestano le regole in cambio di denaro e di potere per soddisfare il proprio egoistico e miope interesse.

Noi diciamo con estrema chiarezza e totale determinazione che stiamo in modo inequivocabile dalla parte del Papa, del suo diritto ad esprimere nella più assoluta libertà il suo pensiero, del suo dovere spirituale e morale a illuminarci sulla posizione della Chiesa e della fede cattolica in tutte le questioni che concernono l'insieme del nostro vissuto, fermo restando la libertà di scelta di tutti. Ma diciamo altresì che oggi non è più sufficiente esprimere la propria solidarietà a Benedetto XVI, che non vogliamo associarci all'atteggiamento ipocrita dei politici che denunciano una "vergogna" da loro stessi generata e auspicano il rispetto di una civiltà che loro stessi stanno uccidendo.

Cari amici, dobbiamo avere la lucidità e il coraggio di andare alla radice del male, rappresentando correttamente la realtà, individuando il valore che corrisponde al bene comune e identificandoci nell'azione che realizza l'autentico interesse nazionale. Dobbiamo prendere atto che oggi l'università e più in generale il mondo dell'Istruzione, i docenti e più in generale il mondo della Cultura, sono profondamente ammalati di relativismo cognitivo, etico e culturale; sono totalmente accecati dall'ideologia del laicismo che li porta a odiare e a infierire contro la propria civiltà che ha il suo radicamento storico e scientifico nella fede e nella tradizione giudaico-cristiana; sono profondamente immersi nelle tenebre del politicamente corretto che li dispensa aprioristicamente dall'assumere dei parametri valutativi e critici nei confronti degli altri; sono a tal punto spregiudicati e immorali da non avere remore a schierarsi e a favorire chi è dedito a combattere e ad annientare la nostra civiltà occidentale. L'università italiana oggi non ha alcuna esitazione ad accogliere dei predicatori d'odio e degli apologeti del terrorismo islamico, come Tariq Ramadan, Rached Ghannoushi e Nadia Yassine, ma non permette al Papa o all'ambasciatore d'Israele e degli Stati Uniti di accedervi. Il pregiudizio ideologico prevale su tutto, con il risultato che oggi l'Occidente è diventato il peggior nemico di se stesso.

E non ha alcun senso sostenere che tutto sommato si tratta di una piccola minoranza, 67 docenti su 4500, che hanno firmato l'appello contro il Papa o uno sparuto gruppo di studenti, un centinaio su 150 mila, che hanno occupato il Rettorato e hanno minacciato di impedire a tutti i costi l'intervento del Pontefice. Perché se questa minoranza di fanatici ideologizzati e violenti è in grado di conseguire il suo scopo, significa che la maggioranza si è di fatto arresa all'arbitrio e alla tirannia della minoranza. Ecco perché diciamo che si tratta di una cocente sconfitta dello Stato di diritto e del trionfo dell'estremismo e dell'oscurantismo. In uno Stato di diritto la predicazione d'odio e l'intimidazione violenta che hanno costretto il capo spirituale della Chiesa cattolica e capo dello Stato Vaticano ad annullare la sua visita alla Sapienza su invito formale del Rettore, dovrebbero essere sanzionati come reato penale. Invece difficilmente un magistrato solleverà il caso perché siamo in un paese dove l'istigazione all'intolleranza e la predicazione d'odio vengono considerati "libertà d'espressione" e dove fin troppo spesso la flagrante violazione della legge viene giustificata invocando la specificità sociale e politica di chi delinque. Peggio ancora siamo in balia di uno Stato e di istituzioni che si sono spinte fino a legittimare e a finanziare i cosiddetti "centri sociali", che sono palesemente dei covi di sovversione e rivolta violenta contro lo stesso Stato e le stesse istituzioni. Ed è in questa assoluta commistione del lecito e dell'illecito e omologazione della legalità e dell'illegalità, che nel Tg1 delle ore 13,30 del 15 gennaio si è sostenuto che la sede del Rettorato della Sapienza sarebbe stato "occupato pacificamente". Ora, se l'occupazione di un edificio o di un locale altrui è sancito dalla legge come reato, come si può immaginare che un reato possa essere compiuto "pacificamente", con il sottinteso che non sarebbe stata violata la legge?

Ebbene, cari amici, anche se è alquanto probabile che la magistratura non perseguirà i docenti che hanno istigato all'intolleranza e gli studenti che hanno intimidito con la violenza, noi non possiamo sottrarci alla condanna netta e assoluta del loro operato. Noi chiediamo che ci sia quantomeno una sanzione disciplinare e morale nei confronti di educatori che diseducano e di studenti che praticano la violenza. Chiediamo che ci sia un provvedimento pubblico da parte del Rettore della Sapienza che vada al di là della ritualità formale delle scuse al Papa. Coloro che hanno incitato all'odio e minacciato Benedetto XVI devono essere sanzionati. Se ciò non dovesse avvenire, come è verosimile, ebbene avremo la conferma che è l'insieme dell'università italiana da bonificare e riscattare alla piena legalità prima ancora da poter essere riformata e ricostruita, affinché possa svolgere il suo ruolo istituzionale di veicolo di trasmissione del sapere scientifico e dei valori che incarnano la nostra civiltà. Ha ragione monsignor Rino Fisichella, vescovo ausiliare di Roma e rettore dell'Università Lateranense, quando dice in un'intervista pubblicata oggi sul Corriere della Sera, che "ormai viviamo sotto il fattore 'i': come ignoranza, intolleranza accademica e intransigenza laicista".

Ugualmente noi dovremmo chiedere al governo e al Parlamento di assumere dei provvedimenti urgenti e seri per riformare dalle radici l'università e il sistema dell'istruzione. Uso il condizionale perché dubito assai che lo farebbero. Perché prima di riformare l'università, è proprio la classe politica che deve essere bonificata e riformata. Fintantoché non prevarranno il senso dello Stato, la cultura del bene comune e il primato dell'interesse nazionale, non cambierà assolutamente nulla di sostanziale. Per ora a noi basta esserne consapevoli. Conoscere la realtà senza infingimenti e mistificazione è il nostro traguardo iniziale. Perché solo quando saremo in grado di distinguere il vero dal falso, potremo discernere tra il bene e il male e scegliere tra la buona e la cattiva azione.

Ecco perché cari amici, oggi noi dobbiamo assumere un'iniziativa che ci veda da protagonisti schierati dalla parte della verità. E la verità oggi significa dire: "Io sto con il Papa. Io condanno l'intolleranza laicista e l'intimidazione violenta. Io denuncio l'ipocrisia dei politici che sono i veri responsabili del degrado etico in cui versa l'Italia".

Se siete anche voi d'accordo, vi prego di inviare un messaggio di adesione all'appello "Io sto con il Papa" all'indirizzo iostoconilpapa@magdiallam.it

Per farlo è necessario indicare:

Nome

Cognome

Professione

Motivazione per cui si aderisce all'Appello

Non saranno accettati i messaggi di adesione che non contengano queste quattro indicazioni.

Trattandosi di una iniziativa straordinaria, tutti coloro che vorranno aderire all'Appello lo potranno fare anche se non sono registrati nel sito.

Vi saluto con i miei migliori auguri di successo e di ogni bene.

Magdi Allam

Inviate la vostra adesione all'Appello all'indirizzo iostoconilpapa@magdiallam.it