Siamo tornati su Facebook!

 

 

(2/12/2018) Come sapete Facebook, la multinazionale che ha venduto la libertà di espressione su Internet e la propria dignità ai peggiori tiranni e dittatori laici e teocratici, lo scorso 25 novembre aveva decretato la chiusura della nostra pagina "Globalist.Party".

Per noi mondialisti era stato un duro colpo, poiché quella pagina era stata da noi aperta all'inizio di quest'anno in sostituzione di una precedente pagina - "Partito.Mondialista" - che aveva raccolto la stima e l'approvazione di più di 400.000 likers prima di essere "congelata" dall'amico dei tiranni Mark Zuckerberg, e in soli dieci mesi era riuscita a ottenere più di 100.000 "Mi piace": segno chiaro, da un lato, del favore che la causa del Mondialismo riscuote in tutti i popoli e presso tutti gli strati sociali nonostante la propaganda ostile dei vari antimondialisti e sovranisti finanziati da Putin e dai mandarini del Partito Comunista Cinese; dall'altro, del fatto che in questa guerra mondiale tra l'Occidente liberaldemocratico ebraico-cristiano e l'Asse del Male islamo-russo-cinese, i traditori come Zuckerberg sono pronti a ogni mossa sporca pur di guadagnarsi i loro trenta denari sulla pelle di miliardi di innocenti oppressi da regimi totalitari.

Ma i traditori del Mondialismo e dell'Umanità non avevano fatto i conti con tutti gli utenti di Facebook che hanno scritto protestando per la chiusura imposta alla nostra pagina, minacciando di chiudere i loro accounts, e che hanno revocato le loro inserzioni pubblicitarie su Fb in segno di solidarietà verso di noi, causando perdite per milioni di dollari all'amico dei tiranni Mark Zuckerberg.

Per questo motivo, questa mattina lo staffi di Facebook ci ha comunicato la revoca della chiusura della nostra pagina "Globalist.Party" e l'autorizzazione a rimetterla in funzione.

Noi mondialisti lo abbiamo sempre detto: noi ci siamo e ci saremo sempre, fino a quando avremo portato a compimento il nostro Grande Progetto: abbattere tutte le vetuste sovranità etno-nazionali e religiose, fonte di discriminazioni, persecuzioni, guerre e genocidi, e unire tutto il genere umano in un solo Impero mondiale che assicurerà pace, prosperità, libertà e giustizia per tutti.

Grazie a tutti voi, dunque; grazie all'Altissimo, Signore del cielo e della terra, nelle cui mani sono i destini degli uomini e dei popoli, il quale "approva la nostra impresa"; e adesso ricominciamo!

 

Sigillum Triplex

Advenit Novus Ordo Seclorum

Annuit Coeptis

 

*****************************************************************************

 

Indietro