curzi, bugiardo per partito (comunista) preso

 

(23/11/2008) Nelle ultime 24 ore gli Italiani hanno dovuto sorbirsi il necrologio di Sandro Curzi, pappagallescamente ripetuto da tutti i conduttori del Tg3 e dai principali quotidiani; un coro quasi unanime nel ricordare la sua "professionalità", il suo "attaccamento alla Rai, e in particolare alla sua «creatura»", la sua capacità leggendaria di "adeguare la scaletta all'ultima novità", il suo "antifascismo militante"... e nemmeno una parola sulle falsità propalate per anni da quella rete, che non per caso ha meritato l'appellativo di Telekabul.

Ebbene, noi dell'Associazione Internazionale "New Atlantis for a World Empire" e del suo ramo esecutivo, il Partito Mondialista, non intendiamo adeguarci a questo conformismo bipartisan; e pur manifestando pietà per la sua morte - come per la dipartita di ogni essere umano che lascia il Tempo per entrare nell'Eternità - non possiamo astenerci dal ricordare chi fu veramente Sandro Curzi: un comunista, che come tutti i comunisti aveva consegnato il suo intelletto critico e la sua coscienza morale all'ammasso del Pci, ovvero della sezione italiana del Pcus. Di quel Partito Comunista dell'Unione Sovietica che dal 1917 ha assassinato più di cento milioni di esseri umani; che nel 1932, per mano di Stalin, ha confiscato agli Ucraini i loro raccolti facendone morire di fame più di trenta milioni (e c'è ancora chi, anima bella, si scandalizza che quel popolo desideri entrare nella Nato ed essere protetto dagli Stati Uniti d'America contro l'eventualità di finire nuovamente nelle grinfie dell'orso russo!); che ha invaso e tenuto per cinquant'anni mezza Europa sotto il tallone di dittature feroci e sanguinarie, negatrici della libertà degli individui e del sentimento religioso dei popoli; che ha maciullato sotto i cingoli dei carri armati i patrioti ungheresi e cecoslovacchi, che ha fatto strage di armeni, lituani e georgiani; che ha massacrato migliaia di sacerdoti e laici cristiani, colpevoli di credere in Dio anziché nel Partito-Stato, e ha ordito persino un attentato contro il Romano Pontefice Giovanni Paolo II (come ha dimostrato inequivocabilmente l'ottimo lavoro svolto dalla Commissione Mitrokhin sotto la guida dell'onesto Paolo Guzzanti); che infine, last but not least, ha invaso il libero stato dell'Afghanistan ponendo le basi per il successivo, funesto regime dei talebani e per l'insorgenza del terrorismo fondamentalista islamico. Ed è stato proprio il sostegno smaccato e condito da menzogne a quell'invasione a far meritare a Rai Tre il nome di Telekabul e a incidere sul suo creatore e primo direttore, Sandro Curzi, un marchio d'eterna infamia. Un'infamia che, a quanto sembra, ha contagiato anche i suoi successori e discepoli, sempre pronti a prostrarsi ossequiosi davanti a qualsiasi tiranno, da Ceaucescu a Castro, da Chavez ad Ahmadinejad; pronti adesso a diventare filoamericani, nel momento in cui l'America, smarrita di fronte alla crisi finanziaria ed economica, tradisce i propri ideali fondativi e si consegna a un presidente pacifista e "conciliatore".

Per questo l'Associazione Internazionale "New Atlantis for a World Empire" e il Partito Mondialista non si stancheranno mai di denunciare e ricordare le menzogne, le ipocrisie e le giravolte di quanti, a sinistra, a destra e al centro dello schieramento politico, ieri criticavano la faziosità di un Curzi e oggi ne lodano la "professionalità", ieri condannavano la repressione della Primavera di Praga e oggi bollano come "provocazione antirussa" il progetto Usa dello scudo spaziale antimissile, ieri scomunicavano l'ateismo comunista e oggi invocano una Santa Alleanza tra Cattolicesimo e Ortodossia contro l'America "cinica e materialista". Nella certezza che la Storia, maestra di vita, presenterà a tempo debito il conto a tutti costoro, e che i popoli della Terra, quando verrà il tempo stabilito, riconosceranno la necessità di farla finita con le ideologie mortifere del comunismo, del terzomondismo e del comunitarismo tradizionalista, abbatteranno i vecchi muri delle sovranità etno-nazionali e dei fondamentalismi religiosi che dividono gli uomini, e si uniranno in un solo Impero mondiale, unica istituzione capace di assicurare finalmente pace, prosperità, libertà e giustizia per tutti.

ANNUIT COEPTIS

 

*****************************************************************************

 

Indietro