berlusconi vittima di ingiusta aggressione,

ha la nostra convinta solidarieta'

 

 

(13/12/2009) Poche ore fa il Presidente del Consiglio della Repubblica Italiana Silvio Berlusconi Ŕ stato aggredito subito dopo aver concluso un comizio a Milano. Un folle, uno psicolabile probabilmente aizzato dalle urla di una piccola marmaglia di contestatori, si Ŕ avvicinato eludendo il cordone degli agenti di sicurezza e ha colpito il Primo Ministro italiano al volto con una statuetta, provocandogli la frattura del setto nasale e una copiosa perdita di sangue. L'aggressore Ŕ stato sottratto dalla polizia ad un probabile linciaggio da parte dei cittadini indignati ivi presenti e immediatamente arrestato.

L'Associazione Internazionale "New Atlantis for a World Empire" e il Partito Mondialista, suo ramo esecutivo, in unione con tutti gli associati da ogni luogo della Terra, condannano, aborrono, riprovano ed esecrano la vile, brutale, infame e criminale aggressione contro un Capo di Governo democraticamente scelto dal proprio popolo con elezioni libere e corrette. Le critiche da noi mosse in pi¨ occasioni su questo sito alla politica estera dell'Italia eccessivamente procliva verso tiranni come Putin e Gheddafi - politica che peraltro discende da cinquant'anni di filopalestinismo e terzomondismo andreottian-craxiano-fanfaniano e quindi non pu˛ essere imputata all'attuale Governo, al quale piuttosto va riconosciuta una posizione pi¨ filo-israeliana, o meno anti-israeliana, di quella tenuta dal precedente Esecutivo di Prodheini e Dalemah - non ci impediscono di condannare ed esecrare l'infame atto di violenza contro un innocente compiuto sull'onda del clima di odio sociale e incipiente guerra civile prodotto da una sciagurata propaganda proveniente dai settori pi¨ ideologicamente accecati della Sinistra italiana e internazionale, per nulla interessata a condurre una opposizione intelligentemente basata sui contenuti concreti e sulle reali necessitÓ dell'Italia, ma soltanto a demonizzare un Primo Ministro e una maggioranza parlamentare democraticamente scelti dal popolo per sovvertire il responso delle urne e dare il potere a una lobby di sedicenti "illuminati", comunisti riverniciati che per sessant'anni, dalla Russia alla Corea, dalla Cina a Cuba, dal Vietnam all'Afghanistan, dal Kuwait all'Irak, si sono sempre schierati dalla parte sbagliata della Storia, contro la libertÓ, contro la democrazia, contro i diritti umani di milioni di innocenti vittime dei loro regimi corrotti e sanguinari.

Silvio Berlusconi entra oggi nell'Olimpo dei martiri della libertÓ, in nobile compagnia con George Walker Bush preso a scarpate a Bagdad, con Giovanni Paolo II ferito da Alý Agca per contro del Kgb e con tutti coloro che nell'arco della Storia hanno rischiato la vita e versato il sangue per la difesa della libertÓ e per l'avanzamento del progetto mondialista di abolire ogni discriminazione di carattere sessuale, culturale, ideologico e politico e di portare a tutti gli uomini pace, libertÓ e prosperitÓ. A lui vanno la nostra convinta solidarietÓ e l'augurio di una rapida guarigione.

 

annuit coeptis

 

 

*****************************************************************************

 

Indietro