AGENTI SISMI ARRESTATI PER "COLLABORAZIONISMO" CON GLI USA:

ITALIA FRONTIERA DELLA GUERRA TRA MONDIALISTI E ANTIMONDIALISTI

 

(5/7/2006) L'arresto del dirigente della prima divisione del SISMI Marco Mancini e del suo collega, e la contemporanea emissione di mandati di cattura nei confronti di agenti della CIA e di un ex-dipendente della base militare statunitense di Aviano nell'ambito dell'indagine avviata dalla magistratura milanese in merito al trasferimento del terrorista egiziano Abu Omar non rappresentano per noi una sorpresa, e non soltanto perché seguono all'incriminazione, avvenuta molti mesi orsono con la medesima accusa, di altri venti operativi dell'intelligence americana in Italia. Sono la mera conferma di una verità che è da anni sotto gli occhi di tutti gli uomini saggi e avveduti: l'Italia è divenuta il fronte avanzato, nello scacchiere eurocontinentale, di quel conflitto tra sostenitori di un modo di vita aperto e libero e difensori a oltranza di tradizioni grette e di chiusure egoistiche, fra cosmopoliti e nazifondamentalisti, in breve tra MONDIALISTI e ANTIMONDIALISTI, le cui origini storiche e le cui cause strutturali sono state delineate dal Comitato Direttivo dell'Associazione Internazionale "New Atlantis for a World Empire" nel Convegno di Roma del 3 aprile 2005, a conclusione del quale è stata deliberata la fondazione del Partito Mondialista, quale ramo esecutivo dell'Associazione, e redatto il relativo Manifesto, al quale rimandiamo per un maggiore approfondimento.

L'Associazione Internazionale "New Atlantis for a World Empire" e il Partito Mondialista esprimono la loro solidarietà a tutte le persone perseguitate per la loro meritoria azione a difesa della pubblica incolumità e delle libere istituzioni dell'Occidente, e rinnovano la loro ferma volontà di operare, con la parola e con tutti gli altri mezzi LEGALMENTE VALIDI, affinché si compia il destino di unificazione dell'umanità in un solo Impero mondiale, sotto una sola legge e un solo Legislatore, in grado di assicurare finalmente pace, libertà e giustizia per tutti.

 

ANNUIT COEPTIS

 

 

*****************************************************************************

 

Indietro