1

L'America si prepara a difendere l'Eurasia

dall'aggressione del tiranno Putin

 

 

(7/9/2014) Il 1° maggio 2014 22 senatori repubblicani hanno presentato al Senato americano un documento intitolato “Russian Aggression Prevention Act”, la cui funzione è di «prevenire ulteriori aggressioni della Russia all’Ucraina e ad altri Paesi dell’Europa e dell’Eurasia».

Il documento affronta tre aree di intervento: rafforzamento della Nato, azioni di deterrenza contro «ulteriori aggressioni russe in Europa», difesa dell’Ucraina e di altri Stati europei ed euroasiatici.

 

a) Il rafforzamento della Nato si concentra soprattutto su due azioni:

1) aumento «sostanziale» delle capacità militari di Polonia e repubbliche baltiche attraverso lo stanziamento «permanente» di forze Nato in questi paesi (quello che sta accadendo in questi giorni);

2) completamento del programma Bmd (Ballistic Missile Defence) attraverso la dislocazione nell’Europa orientale di sistemi missilistici. Nel giugno scorso, Obama si è recato a Varsavia per annunciare un miliardo di dollari in spese militari aggiuntive, oltre che in Polonia, anche nei paesi vicini direttamente minacciati dall’espansionismo russo: «Il nostro impegno per la sicurezza della Polonia e la sicurezza dei nostri alleati in Europa centrale e orientale, è una pietra angolare della nostra sicurezza nazionale», ha detto.

 

b) La deterrenza prevede:

1) intervento di Washington su Bruxelles, affinché sia velocizzato l’ingresso di Ucraina, Georgia e Moldavia nell’Ue, al fine di «consolidare la loro democrazia»;

2) impegno degli Usa a revocare la partecipazione della Russia al G8 e alla Banca mondiale, se Mosca non rispetterà «l’integrità territoriale dei suoi vicini e non accetterà di aderire agli standard delle società democratiche»;

3) sanzioni da applicare non solo al governo russo ma anche a cittadini e organizzazioni russe, compresi i familiari di funzionari responsabili di atti di illegalità contro l’Ucraina e i paesi aggrediti;

4) finanziamenti a Ong e organizzazioni umanitarie che dovranno agire per «migliorare la governance democratica nella Federazione russa».

 

c) La difesa dell’Ucraina e degli altri paesi euroasiatici dall’aggressione di Mosca riguarda:

1) rifornimento diretto di armi su «richiesta» dei governi minacciati;

2) riconoscimento di Ucraina, Georgia e Moldavia come «Alleati Maggiori Non-Nato (Major Non-Nato Ally)», qualifica che consente di fatto di considerarli membri Nato anche se ancora la loro adesione non è stata ratificata;

3) accordi bilaterali con Azerbaigian, Serbia, Montenegro, Bosnia e Kosovo per ampliare il supporto militare della Nato (e isolare Mosca);

4) concessione dalla Banca mondiale e dalla Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (Bers) di un’autorizzazione che permetta agli Usa di partecipare allo sviluppo di energia in Ucraina, Georgia e Moldavia per lo sfruttamento delle riserve di gas naturale e petrolio;

5) finanziamento a The Voice of America, l’emittente radiotelevisiva del governo degli Stati Uniti, affinché aumenti la produzione di trasmissioni in lingua russa nei paesi ex sovietici (comprese le repubbliche baltiche).

 

Per la dottrina militare americana tutto questo si chiama «dominio sull’intero spettro (full-spectrum dominance)», vale a dire non solo il controllo egemonico dei teatri di guerra (cielo, terra, mare, spazio extra-atmosferico e cyberware) ma anche il controllo totale delle risorse energetiche e del soft power (cultura).

 

Noi mondialisti salutiamo con grande soddisfazione l'iniziativa del Partito Repubblicano americano, volta a risollevare il governo e il popolo degli Stati Uniti d’America dallo stato di profonda miseria e degradazione spirituale in cui l’ha precipitato il ciecopacifismo imbelle del filotirannico Barack Hussein Obama, e auspichiamo che l’America si dia al più presto un Commander in Chief degno di questo nome, in grado di riassumere la guida dell’Occidente nella doppia guerra contro l’Asse del Male Mosca-Pechino-Teheran e contro il Califfato Islamico tagliatore di teste, e di adempiere la missione ad essa affidata dalla Provvidenza: abbattere tutti i tiranni laici e teocratici, abolire le vetuste sovranità etno-nazionali fonti di tutte le guerre, le persecuzioni e i genocidi che hanno funestato il genere umano dall’alba della storia, e fondare l’Impero mondiale che abolirà ogni discriminazione fra uomini e donne, fra cittadini e stranieri e tra fedeli di ogni culto e religione, e assicurerà finalmente pace, prosperità, libertà e giustizia per tutti.

  Eye of GodEagle and Flag of USA

Advenit novus ordo seclorum

annuit coeptis

 

*****************************************************************************

 

Indietro